venerdì 3 agosto 2007

Per un felice fine settimana


Per un felice fine settimana ...

Eccoci arrivati ad un altro fine settimana! Un sogno-realtà che possiamo godere appieno nella modestia dei mezzi e delle condizioni di realizzazione che ognuno di noi ha alla sua disposizione. Ma la cosa più importante è vivere, è l’esaltazione della vita a qualunque prezzo, però rispettandola rispettandola e cercando di armonizzarsi con essa, perché vivere non è solo correre o saltare; non è solo uscire con gli amici o a fare shopping; non è solo movimenti e voluttà; non è solo sognare un mondo diverso, nel quale rifugiarsi. Vivere è anche intuizione, respiro, ragione, idea e visione.

La vita ha sempre senso sia che abbiamo qualcuno che ci stia accanto che da soli. Particolarmente oggi, infatti, sentiamo che la vita può essere troppo dura se non costruiamo rapporti autentici con gli altri, se rimaniamo chiusi nella solitudine, impegnati soprattutto o solo nella competizione aggressiva e invasiva. Molte volte la felicità bussa alla nostra porta e noi la facciamo scappare, forse perché abbiamo paura di essere felici, paura che finisca tutto in poco tempo... Se è vero che la felicità è fatta di pochi attimi nella durata di tutta la vita, è anche vero che ogni attimo riesce a lasciare un segno indelebile nella nostra esistenza. Quindi dobbiamo solo assaporarli e sperare che siano attimi immensi e pieni di mille emozioni. 



3 commenti:

Matioli ha detto...

Bravo, bravissimo....
mi alzo in piedi e ti
faccio gli applausi!!!

CLAP CLAP CLAP CLAP
CLAP CLAP CLAP CLAP
CLAP CLAP CLAP CLAP
CLAP CLAP CLAP CLAP

Sei già tra i miei poeti
e scrittori preferiti!!!

\o/ Mat :o)

*****

Dioneo ha detto...

si può sapere cos' è successo alla tua pagina di gay.tv? vabbe' per ora ti scrivo qui, tu cerca di rimediare con AntinooBabyGate o scrivimi a maja.ranesupreme@hotmail.it
comunque ho dato 1 okkiata al tuo blog e mi leggerò altre poesie.. però preferirei parlarti di persona:-(( ci tornerai in Italia?
mi sono piaciute diverse cose e sento che potremmo diventari quelli che Aristotele chiamava "amici di virtù", ovvero le persone che condividono non tanto interessi, situazioni, intimità, emozioni (tutte cose molto belle ma molto umane e quindi cadùche ) ma piuttosto condividono parte delle loro anime (ovvero Dio ): tra due poeti nulla è più naturale di questo tipo di amicizia, che però è molto molto rara secondo Aristotele...

jacopo

p.s.
mi sn registrato con il nome di Dioneo, ovvero il padre di Afrodite, l' antica dea greca dell' Amore.

-=|ß®ÜÑØ ha detto...

Riflessione sul giorno dei genitori.


Secondo domenica di agosto il giorno dei genitori.
E commemorata i genitori a che in tensione isolati nelle piccole stanze delle iarde i genitori che
Poiché i bambini conoscono più asili e case di resto questi in tensione dei delinquenti mantenuti dalla società per i bambini questi feras il dio razionale dumb in tensione conosce quanto avevano combattuto per generare questi bambini oggi sono uomini formati i relativi genitori nel gioco degli asili quanto oggi sono mendicanti estesi passa chiedono il sussidio se sono in casa sono empecilhos allineare mentre quei vecchi elemosinano i tranquilos giovani di vite i bambini si sentono che la musica o assiste alla televisione
E il padre anziano dove è? Messo nella base nella sentina il mio padre non li gradisce è benvenuto vive bene con il solitude
Descí le scale e dovevo vedere
Ví quello vecchio che lucida le mani molto esso è stato congelato con il freddo del ungratefulness l'assurdità dei nonsenses desidero contare i vocês di pra conosco che un padre anziano i bambini sposati ammalati hanno tre tre case da essere ogni casa è di un mese lo chiedo a stessi che cosa questo vecchio ha fatto male?
Perchè i bambini hanno tutto E che i genitori non ha mai tempo? Tutto che cosa batte il ritorno A quello grande è dettato se il vostro padre vive così lui ha cura molto bene-presa del tempo funziona, la vita passa la
E che già siete regolati per dormire nella sentina umida E il vostro figlio nel sobrado uno chi semina la frutta deteriorata cucchiaio difettoso di Vai del seme.