mercoledì 3 settembre 2008

Il parere di un GAY su essere GAY ...



Essere gay ...

Gli psicologi, gli psichiatri, gli psicoanalisti, gli studiosi e ricercatori che hanno un vero interesse nella questione del rapporto mente-corpo-cervello, sostengano che essere gay non è una scelta, un'abitudine, ma un modo di essere. C'è anche chi sostiene che si possa diventare omosessuali, ma sono teorie poco credibili ed indimostrabili. Spesso, per paura, ci si nasconde dietro una finta eterosessualità per non dover affrontare tutte le difficoltà legate all’universo gay che diviene, sempre più spesso, un mondo a parte e ghettizzato;

Secondo me, che sono gay e che soprattutto vivo, respiro, penso, agisco, reagisco, mi difendo, parlo e faccio sentire la mia voce, scrivo e propago le mie idee come tale, essere gay è molto più di tutto questo, cioè ci sono cose molto più importanti che vanno al di là dell'aspetto mente-corpo-cervello che solo un "autentico" gay conosce e riesce a sentirle tutte o quasi... Ci sono sentimenti molto più grandi di noi e quando non li possiamo gestire ci sentiamo ancora più piccoli del solito ed anche un po' più deboli ed indifesi dalla società ipocrita e perbenista, portavoce di quei valori assoluti che in realtà non ha mai rispettato.

E per finire (almeno per ora) vorrei che tutti (sia gli omosessuali che gli eterosessuali) sapessero che...

Essere gay non ti fa diventare promiscuo o moralmente inferiore, ed essere promiscuo o moralmente inferiore non ti fa diventare gay;

Essere gay non ti fa diventare un travestito o un transessuale, ed essere travestito o transessuale non ti fa diventare gay;

Essere gay non ti forza a dare spiegazione approfondite sul tuo modo di vivere la vita, di rapportarti agli altri e di vedere il mondo;

Infine, essere gay non ti chiede di essere perfetto, ma ti incoraggia a fare del tuo meglio nelle condizioni e con le energie che avrai disponibili per quello che ti serve e che ruota intorno alla tua vita.

~Jean-Paul Malfatti

Nessun commento: